Informazioni Tema del mese Meteo Eventi
Esperienze top
x

Gastronomia

La ricchezza dei sapori autentici

Nella soleggiata Valle del Vipava prosperano numerosi ortaggi e i migliori frutti maturano alla perfezione. Per secoli la valle rappresentava un vero orto paradisiaco per i paesi circostanti, da dove arrivavano le prime ciliegie, le squisite albicocche e la verdura giornaliera. L’uva e il vino davano un’impronta importante a questo paradiso. Oggi, la Valle del Vipava è soprattutto la terra dei vigneti e frutteti, ma la ricca svariatezza di colture è stata comunque preservata. Gli abitanti del Vipava coltivano quasi in maniera di nicchia tanti tipi di frutta, verdura e seminativi e per usi personali stagionano la carne. Tutto questo è la base di piatti molto semplici, autentici, sani e più che deliziosi.

  • Sapori diversi. Tutto l’anno.

    Il prosciutto crudo della Valle del Vipava

    Per molti una fetta di prosciutto crudo della Valle del Vipava rappresenta l’apice della gastronomia locale. Tagliato a mano e a fette molto sottili che si fondono con il pane casereccio e sciolgono in bocca. Secondo l’antica tradizione, i contadini locali stagionano il prosciutto all’aria. Un enorme merito va naturalmente al vento di bora che arieggia bene la valle e essicca il prosciutto. E non solo il prosciutto. Questa gente è esperta anche nella produzione di varie salsicce, salami, pancette e lardo. Assaggiando una fetta di una di queste prelibatezze e un sorso del vino di casa, inizia la strada verso il paradiso …

  • Sapori diversi. Tutto l’anno.

    Ciliegie, albicocche, pesche …

    Gli amanti di frutta vengono conquistati dalla succosità e la corposità del sapore dei frutti della valle. La tradizione più lunga è quella delle ciliegie e albicocche, che secoli fa venivano portate e vendute a Trieste, Ljubljana e Vienna. Si dice che un tempo, in onore dell’incoronazione dell’imperatore, le ciliegie venivano portate addirittura a San Pietroburgo. Nel secolo precedente si sono diffuse anche le pesche, dalle quali viene prodotto un buonissimo succo di frutta. Nella Valle del Vipava si possono trovare infiniti tipi di frutta, anche quelli più rari come il melograno e le mandorle. Da maggio fino a dicembre, ben sette mesi all’anno, nella Valle del Vipava si può raccogliere la frutta matura direttamente dall’albero.

  • Sapori diversi. Tutto l’anno.

    Dall’orto al tavolo

    Il lusso di avere a disposizione la verdura fresca dall’orto durante tutto l’anno ha creato nella Valle del Vipava una caratteristica cultura alimentare che segue spontaneamente la stagione, munendosi di ciò che è a disposizione. Quando non cresce nient’altro le spezie e il radicchio freschi sono sempre a portata di mano. Anche la verdura, la frutta e le carni che sono state conservate dagli agricoltori per il periodo invernale, non fanno molta strada per raggiungere i piatti. Senza processi artificiali, con tutta l’autenticità dei sapori e sostanze nutrienti.

  • Sapori diversi. Tutto l’anno.

    La birra dalla microbirreria

    Una nuova ondata di entusiasmo per la birra, fatta in piccoli quantità nelle birrerie molto piccole, ha risvegliato dopo lunghi decenni la produzione della birra nella Valle del Vipava. La birra moderna, non filtrata e non pastorizzata viene offerta in tanti bar e ristoranti, grazie al loro ricco gusto che si abbina benissimo al cibo locale. La Valle del Vipava vanta alcune delle migliori birrerie della Slovenia.

Piaceri per gli esploratori

Nella Valle del Vipava non aspettarti di trovare una trattoria dietro ogni angolo. I ristoranti supremi e le trattorie con ottimo cibo non sono molto numerose, ma molto apprezzate e sempre ben visitate. Una prenotazione in anticipo non è mai di troppo. Questo vale soprattutto per gli agriturismi che aprono le loro porte solo ai visitatori annunciati in anticipo. Questo piccolo sforzo sarà sempre ben ripagato. La qualità dei cibi, l’originalità dei menù e l’autenticità dei sapori entusiasma ogni esploratore dell’offerta culinaria della Valle del Vipava.