Informazioni Tema del mese Meteo Eventi
Esperienze top
x

Chiese

Il prezioso patrimonio artistico

Per mille anni gli architetti, scultori e pittori hanno creato un peculiare e unico patrimonio artistico nelle numerose chiese della Valle del Vipava, che continua ad attirare i visitatori. I reperti archeologici testimoniano che le chiese nella valle venivano costruite già nel IX secolo, e la maggior parte degli edifici originali delle chiese odierne è stata costruita prima del XV secolo. Anche dopo, soprattutto nel XVII e XVIII secolo, è stata aggiunta qualcun’altra qua e là, ma la maggior parte di esse sono state completamente restaurate nel corso di questi due secoli. Durante tutto questo tempo, dall’epoca romana e gotica fino ad oggi, nelle chiese della Valle del Vipava sono nate delle preziose opere d’arte. Specialmente tra i dipinti troviamo alcune creazioni eccezionali considerate l’apice dell’arte religiosa slovena.

La Basilica di Sveta Gora (Monte Santo)

L’imponente basilica del grande centro di pellegrinaggio sul monte Sveta Gora vicino a Nova Gorica è un prezioso monumento storico-culturale. Sul posto, dove già nel XIV secolo giaceva la chiesa e dove nel 1539 apparve la Madonna alla pastorella Urška Ferligoj di Grgar, fu costruita poco dopo la chiesa di pellegrinaggio. A questo periodo risalgono la statua tardo-gotica della Madonna con Gesù e il famoso ritratto della misericordiosa Madonna, opera del pittore veneziano. La basilica fu completamente distrutta nel pieno della Grande Guerra, mentre la basilica che oggi possiamo ammirare fu costruita in stile neobarocco negli anni tra il 1924 e il 1928. Oltre alle straordinarie immagini della Madonna, i visitatori possono ammirare anche il soffitto intagliato, la via crucis, le vetrate decorate e il riconoscibile alto campanile con le imponenti campane. 

Informazioni: Centro informazioni turistiche Nova Gorica e www.svetagora.si

La chiesa di pellegrinaggio a Log presso Vipava

A Log, lungo la strada che collega Vipava e Ajdovščina, si trova la grande chiesa di pellegrinaggio dedicata alla Maria consolatrice degli afflitti, menzionata per la prima volta nel 1320. L’edificio originale medievale è stato restaurato più volte, fino all’odierna pianta a tre navi, ampliata nel XVIII secolo. Gli affreschi sulle pareti e sulla volta del presbiterio sono stati dipinti da Franz Kurz zum Thurn und Goldenstein a metà del XIX secolo. Il grande altare di marmo è stato costruito in due fasi. La sua veste finale gli è stata data dallo scultore veneziano Geraldoni. Il dipinto di Madonna con Gesù Bambino risalente al 1861 è l’opera di Mihael Stroj. La chiesa vanta anche un eccellente organo, perciò, di tanto in tanto, nella chiesa vengono organizzati anche dei concerti.

Informazioni e visite guidate: Centro informazioni turistiche Vipava

La chiesa di Santo Stefano a Vipava

Questo interessante schema della chiesa risale a metà del XV secolo, ma già nel secolo seguente subì un completo restauro. Entro la metà del XVIII secolo, la chiesa fu allungata e ottenne anche il suo caratteristico campanile che risalta ancora oggi. La chiesa è nota per i suoi bellissimi affreschi. La volta del presbiterio fu dipinta dal famoso pittore Franc Jelovšek nel 1737-1738, le pareti, invece, da Janez Wolf nel 1876-1877. Oltre a un altare in marmo bianco del classicismo, opera dello scultore goriziano Giambattista Zipperla, la chiesa vanta anche i dipinti di vari autori risalenti al XVIII e XIX secolo.

Informazioni e visite guidate: Centro informazioni turistiche Vipava

La chiesa dei Santi Primo e Feliciano a Vrhpolje

Il villaggio viticolo di Vrhpolje ricevette una chiesa completamente nuova negli anni del risveglio economico alla fine del XIX secolo. Dalla vecchia chiesa di Santa Croce, preservata fino ad oggi, fu trasferita la dedicazione ai santi Primo e Feliciano alla chiesa nuova. Ai tempi della sua costruzione, la chiesa rappresentava un enorme iniziativa per la parrocchia e la diocesi. Il suo completo restauro nel 2013 ha dato alla chiesa una notevole pubblicità, in parte anche per il magnifico mosaico creato dal frate Marko Ivan Rupnik, direttore dell’Atelier dell’arte spirituale del Centro Aletti (Roma). Quest’opera d’arte che consiste di una serie di scene bibliche, crea un atmosfera artistica e spirituale che attira numerosi visitatori.

Informazioni e visite guidate: Centro informazioni turistiche Vipava

La chiesa di San Giovanni Battista ad Ajdovščina

La chiesa, costruita presumibilmente nella tarda antichità sul sito dell’abbandonato cimitero romano, fu menzionata per la prima volta nel 1507. A metà del XVIII secolo subì una ricostruzione e ottenne un nuovo volto datogli anche dal rinomato artista locale Anton Cebej, nato a Šturje, una parte dell’odierna Ajdovščina, sulla sponda sinistra del torrente Hubelj. Intorno al 1769, Cebej realizzò tre affreschi sul soffitto. In seguito anche la via crucis, il suo “pezzo forte” di questa chiesa. Negli anni novanta del secolo scorso quest’opera d’arte, una delle più antiche e più rinomate rappresentazioni barocche della via crucis in Slovenia, fu diligentemente restaurata. 

Informazioni e visite guidate: Centro informazioni turistiche Ajdovščina

La chiesa di San Pietro a Dobravlje

Sotto il paesino di Dobravlje giace la chiesa di San Pietro, dall’esterno un tipico edificio gotico che al suo interno conserva un vero museo del pittore barocco Anton Cebej. Entrando nella chiesa, la prima cosa che vediamo è un ricco altare dipinto da Cebej. Dietro l’altare in marmo egli dipinse l’architettura dell’altare arricchendo così l’interno del presbiterio. Oltre agli straordinari affreschi sul soffitto, sono molto interessanti anche due dipinti dell’altare di Cebej, soprattutto il dipinto dei Santi Giovanni e Paolo, che raffigura la prima veduta della Valle del Vipava guardando verso Vipavski Križ.

Informazioni e visite guidate: Centro informazioni turistiche Ajdovščina

La chiesa del Cristo Redentore – Concattedrale di Nova Gorica

La moderna chiesa parrocchiale di Cristo Redentore a Nova Gorica è stata ultimata nel 1982 su progetto dell’architetto Franc Kvaternik. La via crucis e la statua di Cristo Redentore, alta oltre cinque metri, sono state realizzate in stile espressionista dallo scultore Stane Jarm, che è anche autore del rilievo raffigurante la Madonna con Bambino nella cappella laterale. Nel 2004 la chiesa è diventata la prima concattedrale della Slovenia, e quindi equivalente alla principale chiesa diocesana.   

Informazioni: Centro informazioni turistiche Nova Gorica